La nave Diciotti è sempre bloccata al porto di Catania e il mancato accordo con l'UE non fa che complicare ulteriormente i piani relativi alla gestione dei flussi migratori. "Penso che sotto il tema dell'immigrazione l'Italia abbia dato già più del dovuto. 700.000 sbarchi in pochi anni, 160.000 ospiti negli alberghi a spese degli italiani, 130.000 domande di richiedenti asilo che eredito dai governi precedenti, quindi ho deciso di mettere semplicemente un freno: stop. In Italia arriva chi ha il permesso di arrivare. Questa ed altre navi non potranno sbarcare nessuno fintanto che l'Europa non si sveglierà [VIDEO] e non deciderà di ripartire equamente le 'quote' di immigrati, come abbiamo fatto noi negli ultimi anni".

Lo ha dichiarato il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini [VIDEO], al TG5 sulla questione particolarmente delicata dei migranti, rimasti imbarcati sulla nave Diciotti.

Salvini indagato dalla Procura di Agrigento per sequestro di persona

Il leader leghista non è apparso preoccupato per l'indagine aperta nei giorni scorsi dalla Procura di Agrigento per sequestro di persona. "Ho dalla mia parte tutti gli italiani di buon senso. Se c'è qualche magistrato o qualche procuratore che ha intenzione di indagarmi per sequestro di persona, si accomodi, mi presenterò nelle sedi opportune e cercherò di spiegare le mie motivazioni. Se qualcuno pensa di arrestarmi, è completamente fuori strada, perché la maggior parte del popolo italiano, oggi, chiede ordine, regole, rispetto e una immigrazione che sia finalmente regolamentata e sotto controllo.

Chiedo a tutti quei magistrati che fanno bene il loro lavoro che i processi durino di meno perché ci sono 4 milioni di italiani che attendono che sia fatta giustizia". E ancora: "Voglio lanciare un segnale anche in difesa di tutti quegli italiani, circa 5 milioni, che vivono in una situazione di povertà relativa e che non possono permettersi le vacanze".

Scontro Salvini-Fico

Intanto prosegue a lunga distanza il duro dibattito che si è scatenato già a partire dai giorni scorsi con il Presidente della Camera, Roberto Fico. Salvini ha dichiarato che, in questi mesi, è riuscito ad instaurare una grande intesa con il presidente del Consiglio Conte e con l'altro vice premier Di Maio. Lo stesso non si può dire di Fico che continua ad interferire nei compiti che spettano al Ministro dell'Interno e sta facendo di tutto per dare man forte a chi vorrebbe che questo governo si sfaldi, per tornare anticipatamente al voto. "Questo è il lavoro di un governo che rappresenta finalmente il cambiamento e raccoglie la fiducia di milioni di italiani. Io non mollo, non mi dimetto e non retrocedo di un millimetro".